Carrello 0
EnglishItalian

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello
Origine del cane e storia verso il molosso attuale  Antonio Crepaldi -5%

Origine del cane e storia verso il molosso attuale Antonio Crepaldi

44,00 41,80

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Lunedì 02/11

Crepaldi Editore

SKU l-ori

Per questo prodotto il pagamento in contrassegno non è possibile
 

Circa 10 giorni per la consegna
​​​​​​​Spedizione inclusa
  • Editore: Crepaldi
  • Edizione: 2
  • Anno edizione: 2012
  • Pagine: 450 p., ill.
  • EAN: 9788896635247

​​​​​​​Questo libro, giunto alla seconda edizione riveduta ed aggiornata con appendici di nuovi testi e foto sviluppa ampliamente l'argomento trattato durante le lezioni tenute dall'autore agli studenti del primo anno al corso di laurea triennale in tecniche di allevamento del cane di razza ed educazione cinofila, presso la Facoltà di medicina veterinaria dell'Università degli studi di Pisa. L'approccio all'argomento didattico parte dal tema generale dell'origine delle specie presentato in versione diversificata dall'univocità imperante negli ambienti scientifici, affinché il lettore possa disporre di adeguate informazioni per meditare personalmente sugli spunti di credibilità offerti dalla controparte del conformismo accademico. Il testo entra poi nella specificità dell'origine del cane per destinarsi verso la biodiversità del molosso attuale, soffermando sullo scenario di speciazione del lupo ed approdando alla fonte originaria delle razze molossoidi mediante la distinzione tra l'aspetto criptozoologico e le prove testimoniali inerenti al mastino tibetano. La trattazione è infine completata dall'evoluzione storica degli antichi molossi sviluppati nella molteplicità delle razze in epoca moderna. La presentazione di ben 350 razze molossoidi ed affini attuali, sia internazionalmente riconosciute che rare, è corredata da oltre mille foto, molte delle quali fornite da una sessantina di allevatori italiani e stranieri.