Carrello 0
EnglishItalian

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello
Obiettivo zootecnico sullo Spino degli Iblei, Vullo -10%

Obiettivo zootecnico sullo Spino degli Iblei, Vullo

39,00 35,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Lunedì 07/12

Crepaldi Editore

SKU l-spi

Per questo prodotto il pagamento in contrassegno non è possibile

​​​​​​​Obiettivo zootecnico sullo Spino degli Iblei
Antico cane da pastore siciliano

416 pagine

Autore: Gianni Vullo

Prefazione del prof. Luigi Guidobono Cavalchini (giudice Enci / FCI, presidente della commissione tecnica centrale dell’Enci, già direttore dell’Istituto di Zootecnia dell’Università di Milano)

Presentazione

Questo libro porta un contributo alla conoscenza di una storia antica che si è tramandata fino ad oggi, parte integrante della vita dei pastori sia delle generazioni passate che attuali, dove lo Spino degli Iblei continua ad essere utilizzato per un obiettivo zootecnico ben preciso quale la guardia e la difesa degli armenti. Lo Spino degli Iblei è un cane rustico, selezionato in un ambiente povero che ha sempre concesso poco all’uomo e ancor meno ai suoi animali, fatto per individui tenaci e dotati di grande tempra, resistenti ad ogni tipo d’avversità fisica e psichica. L’autore – Gianni Vullo – da profondo conoscitore della storia e delle tradizioni sicule, oltre che attento osservatore dell’ambiente rurale e pastorizio, con il presente volume intende far conoscere lo Spino degli Iblei durante le fasi iniziali del vero recupero di questo antico cane da pastore siciliano. Gli albori dello Spino degli Iblei nella cinofilia ufficiale vengono infatti qui descritti con dovizia di approfondimenti tecnici, corredati dalla preziosa testimonianza fotografica di tutti i capostipiti recuperati al RSA (Registro Supplementare Aperto). La cura prestata dall’autore a questo libro è oltremodo approfondita nella parte storica di questo cane barbuto da lavoro della sicilia sudorientale con altrettanto corredo iconografico a testimoniarne l’antichità delle origini. La razza viene poi descritta nel proprio ambiente pastorizio dei Monti Iblei dove si è conservata con le caratteristiche morfofunzionali delineate nello standard, a cui l’autore dedica una ponderata analisi di commento. chiude il volume un’appendice con i dati morfometrici dei capostipiti e la presentazione di un’altra etnia canina dello stesso territorio, quale il piccolo spinotto siciliano.

Dati sull’autore

Gianni Vullo, autore di questo libro, ha iniziato allevando il cane da pastore maremmano-abruzzese nel 1987, ottenendo l’affisso «Loro del Piana» nel 1991. Esperto giudice Enci / FCI, giudica le prove di lavoro per il Cirneco dell’Etna dal 2004, mentre l’abilitazione di prima nomina per le esposizioni risale al 2006. Delegato dell’Enci dal 1990. È stato presidente del Gruppo Cinofilo Ragusano (delegazione provinciale dell’Enci) di cui ricopre attualmente la carica di consigliere. Ha ricoperto inoltre la carica di consigliere di collegamento nominato dall’Enci nel Circolo Italiano Bulldog. L’attività editoriale lo vede sia giornalista cinofilo che scrittore di libri non solo sui cani. Ha vinto il concorso giornalistico dell’Enci nel 1997 con un articolo proprio sullo Spino degli Iblei. Come autore conta anche un libro sul Cane da Pastore Maremmano-abruzzese ed un romanzo. Collabora con riviste cinofile anche americane. Presidente del Club del Pastore siciliano, è fautore di riferimento del recupero dello Spino degli Iblei.

Indice dei contenuti

Ringraziamenti dell’autore, pag. 7
Presentazione, pag. 9
Prefazione, pag. 13
Profilo dell’autore, pag. 19
Premessa, pag. 21
– Origini dello spino degli iblei
Introduzione, pag. 27
I primi cani del neolitico, pag. 41
Gli etruschi, pag. 59
Gli elleni, pag. 65
I romani, pag. 71
I bizantini, pag. 79
Gli arabi, pag. 81
Il cane barbuto dopo il basso medioevo, pag. 82
Storia e iconografia dello spino degli iblei, pag. 104
– La pastorizia negli iblei
Introduzione, pag. 132
Il territorio ibleo, pag. 142
Modus vivendi in azienda pastorizia iblea, pag. 145
La selezione in ambiente pastorizio, pag. 187
– Il recupero della razza
Introduzione, pag. 213
Primi incontri con lo spino degli iblei, pag. 222
Il primo tentativo di recupero, pag. 225
Il vero recupero della razza, pag. 235
– Lo standard ufficiale
Introduzione, pag. 266
Standard vigente, pag. 268