Carrello 0
EnglishItalian

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello
Vita da pastore, studio sulle origini dei cani da gregge alpini. di Federico Torresan -10%

Vita da pastore, studio sulle origini dei cani da gregge alpini. di Federico Torresan

25,00 22,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Consegna prevista entro Martedì 26/01

Crepaldi Editore

SKU L-vit

Per questo prodotto il pagamento in contrassegno non è possibile). Consegna stimata in 10 giorni a partire dalla ricezione del pagamento.

 

VITA DA PASTORE
STUDIO SULLE ORIGINI DEI CANI DA GREGGE ALPINI

170 pagine – 25,00 euro

Autore: Federico Torresan
Questo libro è frutto di uno studio approfondito a seguito di una lunga ricerca storica, come
testimoniato anche dalla numerosa bibliografia riportata in calce. Nel presente libro l’autore si
occupa della vita nella pastorizia attraverso i cani da gregge delle Alpi, affrontandone le origini fin
dalla preistoria. Illustra poi con doviziosa cura i passaggi epocali dall’Età del Bronzo all’era
moderna, raccontando la storia genetica del mantello “merle” che rappresenta un elemento
determinante della tipicità dei cani da pastore alpini per la conduzione del gregge per quanto è
presente in queste etnie. Dedica un capitolo solo allo spagnolo Carea Leonés per poi addentrarsi
nelle varie etnie canine pastorali francesi, ungheresi, britanniche, australiane e americane. Un altro
capitolo particolareggiato è quello dedicato ad un antico cane da pastore della Germania come
l’Altdeutscher Hutehunde, senza però tralasciare le altre etnie tedesche. L’autore ovviamente arriva
poi ad approfondire i cani da pastore italiani che oggi sono ritornati in auge grazie alle maggiori
attenzioni cui vengono sottoposti da parte non solo degli appassionati ma anche degli enti
istituzionali. A corredo del tema l’autore non poteva far mancare anche un’attenta analisi storica
sulle pecore, con particolare riguardo all’epopea delle merino. Lo stesso dicasi per i sistemi
pastorali antichi e le organizzazioni che li gestivano, fra cui spicca la spagnola “Mesta”. Un mondo
quello pastorale che quindi ha consentito lo sviluppo di tradizioni transumanti in cui anche i cani da
conduzione del gregge erano parte integrante attiva dell’economica rurale, al punto che nei vari
paesi hanno preso ad esistere varie etnie locali legate ad un determinato territorio proprio per
necessità ausiliaria ai pastori. In Italia non vi è stato certo meno sviluppo che altrove e oggi non
mancano anche nel nostro Paese diversi gruppi etnici di cani conduttori che, pur avvicinandosi sotto
il profilo di un tipo comune, restano indissolubilmente varianti di una biodiversità canina autoctona
che ciascun territorio d’origine ha plasmato con quelle differenze che portano a distinguerle le une
dalle altre per formare un nutrito patrimonio cinotecnico rustico di elevata cultura tradizionale.
Questo libro affronta quindi un panorama di gruppi etnici alcuni dei quali già in fase più o meno
avanzata per diventare razze ufficiali secondo le regole stabilite dagli enti cinofili nazionali, ma non
ne tralascia altri che rappresentano pur sempre una spaccato rurale ugualmente da preservare con
altrettanta attenzione.
Federico Torresan, autore di questo libro, si interessa di ricerche storiche sulla Grande Guerra ma
anche di cinofilia. È co-fondatore e vicepresidente della SIPaLL (Società Italiana Pastore della
Lessinia e del Lagorai). Si occupa di addestramento e comportamento animale da oltre un
ventennio. Come autore conta premi in diversi concorsi letterari. Secondo classificato alla prima
edizione del “Festival Giallo Garda” nel 2016 e primo nel 2017. Vincitore anche del concorso per
racconti gialli organizzato dalla più antica distilleria d’Italia (Fratelli Brunello). Vincitore inoltre
per due anni consecutivi del concorso “Turno di Notte” su incipit del noto scrittore Carlo Lucarelli.
Nel 2019 finalista al Giallo Festival di Bologna nella categoria “Miglior protagonista maschile”. I
suoi racconti noir, gialli e storici sono pubblicati in numerose antologie e siti specializzati.
Collabora come autore con varie riviste e blog. Con la casa editrice “Antonio Crepaldi Editore” ha

pubblicato anche il libro “CANI SOLDATO Eroi dimenticati della Grande Guerra (storia e
immagini del cane militare nella Prima Guerra Mondiale)”.
INDICE

Presentazione…………………………………………………………pag. 7
Profilo dell’autore…………………………………………………….pag. 9
Introduzione…………………………………………………………pag. 11
Alle origini del cane da pastore……………………………………..pag. 13
Il cane nella preistoria alpina………………………………………..pag. 17
Le grandi migrazioni dell’Età del Bronzo…………………………..pag. 23
Dall’epoca romana al medioevo…………………………………….pag. 31
Dal medioevo all’epoca moderna – Storia di un gene………………pag. 41
Carea Leonés………………………………………………………..pag. 43
L’Onorato Consiglio della Mesta…………………………………...pag. 53
La pecora Churra……………………………………………………pag. 57
L’epopea Merino……………………………………………………pag. 61
I cani francesi……………………………………………………….pag. 65
I cani ungheresi……………………………………………………..pag. 81
I cani della Gran Bretagna………………………………………….pag. 83
I cani australiani……………………………………………………pag. 89
I cani americani……………………………………………………..pag.95

Altdeutscher Hutehunde…………………………………………….pag. 99
I cani italiani……………………………………………………….pag. 107
Uno studio genetico………………………………………………..pag. 139
Conclusioni………………………………………………………...pag. 143
Riconoscimento ENCI del Pastore della Lessinia e del Lagorai e del Cane
delle Alpi Apuane………………………………………………….pag. 145
Bibliografia………………………………………………………...pag.